Masterclass assemblaggio e messa in funzione di un motore

Una delle visioni che aiutano a capire il funzionamento di un’automobile e del suo cuore pulsante, il motore, è dato dall’immaginare ogni componente come un elemento in grado di svolgere un ruolo specifico. Grazie a questa premessa sarà facilissimo concepire come nel complesso il motore sia in grado di trasformare l’energia chimica del combustibile in energia meccanica trasmessa alle ruote.

Com’è fatto il motore auto

Il motore è quella componente in grado di trasformare l’energia chimica del carburante utilizzato in energia meccanica trasmessa alle ruote motrici. La parte principale del motore auto è composta dal basamento, una componente al cui interno è presente l’albero a gomiti al quale, poi, sono collegati i cilindri e la testata.

In base al numero di pistoni presenti nel motore l’albero motore presenta tanti perni ai quali sono collegati le bielle. Il collegamento tra bielle e pistoni, poi, avviene tramite lo spinotto e tutte queste componenti hanno il compito di far andare su e giù i pistoni all’interno dei cilindri.

La testata racchiude tutti gli organi meccanici per la distribuzione ed al suo interno sono presenti parte dei condotti di aspirazione e di scarico aperti e chiusi da valvole a fungo, mentre la parte superiore del motore è collegata a quella inferiore con una catena, una cinghia o una cascata d’ingranaggi.

Come funziona un motore auto

Il motore auto più diffuso in commercio è quello a quattro tempi. In questa tipologia di motore i gas vengono aspirati attraverso apposite valvole per poi essere compressi una volta che queste si sono chiuse. Con questa procedura si verifica la combustione, cioè i gas si espandono e generano una pressione che spinge verso il basso il pistone il quale agisce sulla biella che a sua volta mette in rotazione l’albero motore.

Quando il pistone risale spinge i gas fuori dalla camera attraverso le valvole di scarico e quando queste si richiudono ricomincia nuovamente il ciclo con una nuova fase di aspirazione.

Non esiste una sola tipologia di motori, ma questi possono essere suddivisi in quelli ad ad accensione comandata, dove l’innesco della combustione avviene grazie ad una scintilla, e quelli ad accensione spontanea dove la combustione avviene spontaneamente grazie alle condizioni favorevoli di pressione e di temperatura che si creano nella camera di scoppio. Questa ultima tipologia è propria dei motori diesel.

Assemblaggio e messa in funzione di un motore

Segui la diretta qui.

Scopri i nostri percorsi di formazione qui.

Un pensiero riguardo “Masterclass assemblaggio e messa in funzione di un motore

Rispondi