Varianti del caffè shakerato

Ci sono diverse varianti del caffè shakerato che lo rendono più ricco.

La prima quella per i golosi, è con l’aggiunta di panna e cacao, con una semplice bomboletta di panna spray, o se preferite con della panna montata fresca, potrete guarnire il vostro bicchiere, il tocco finale sarà dato da un filo di glassa di cioccolato, o da un po’ di cacao amaro mischiato a polvere di caffè e spolverato sopra con un setaccio per dolci.

Se non amate il cacao, potrete utilizzare al posto della glassa al cioccolato, una al caramello. Il sapore dolciastro del caramello esalterà maggiormente l’aroma del caffè.

La versione del caffè shakerato analcolico, può essere arricchito, (in molti bar si trova già preparato così), con l’estratto di vaniglia liquido, se aggiungete questo estratto alla preparazione del caffè shakerato, dovrete premunirvi con degli accorgimenti nelle dosi della ricetta.

La dose di caffè, e di ghiaccio rimane invariata, mentre dovrete diminuire la dose di zucchero liquido, poiché l’estratto di vaniglia è molto dolce di per sé, quindi il rapporto sarà ½ cucchiaino di zucchero liquido e uno/due cucchiaini di estratto di vaniglia, il procedimento rimane invariato.

La versione night, o alcolica, come preferite chiamarla, è invece preparata con l’aggiunta di un liquore. I liquori che maggiormente si sposano con il caffè shakerato sono quelli alla vaniglia, il Baileys, o una qualunque Irish Cream (Crema di Whisky), l’amaretto, preferibilmente l’amaretto di Saronno, , e infine solo per i veri appassionati del classico caffè e sambuca, quest’ultima può donare un sapore fresco e inimitabile alla ricetta.

Caffè shakerato alcolico: la ricetta e come prepararlo

Tra le varianti del caffè shakerato c’è anche la versione alcolica. La preparazione del caffè shakerato alcolico è leggermente differente. Gli ingredienti sono:

  • 2 caffè ristretti
  • 25 cc di acqua fresca naturale
  • 2 cucchiaini di zucchero liquido, o di canna in grani.
  • 4 cucchiai di liquore alla vaniglia, Baileys, amaretto.(Se utilizzate la sambuca due cucchiai)
  • 3 cubetti di ghiaccio.

Il procedimento per ottenere il risultato perfetto è simile a quello del caffè classico, inserite nello shaker il ghiaccio, l’acqua fresca naturale, lo zucchero, il liquore che preferite e infine il caffè caldo shakerate per circa venti secondi, gli ingredienti sono di più, e servite in un bicchiere da cocktail.

Il bicchiere da martini potrebbe risultare troppo piccolo, per questa ricetta e preferibile un bicchiere a coppa, l’ideale sarebbe un calice da vino rosso, con la bocca ampia e lo stelo stretto. Da servire sempre rigorosamente freddo, non bisogna mai servire il caffè shakerato in un bicchiere a temperatura ambiente rovinerete il risultato.

Scopri i nostri centri di formazione qui.

Come preparare un ottimo caffè espresso, qui.

Un pensiero riguardo “Varianti del caffè shakerato

Rispondi