Masterclass “Taglio Bob con tecnica Fo.De.Lis – Intervista a Lorenzo Vennarucci

Ciao, Lorenzo: raccontaci di te, chi sei, cosa fai, da dove vieni.

Ciao a tutti, mi chiamo Lorenzo Vennarucci, ho ventidue anni e sono un parrucchiere.

Ho frequentato il Centro Provinciale di formazione professionale a Capranica per quattro anni e attualmente lavoro nella parruccheria di famiglia situata a Faleria.

Tu hai scelto il percorso di acconciatore. Cosa ti ha spinto a seguire questo percorso e cosa ti appassiona di questa professione?

Avevo già una passione, probabilmente tramandata dalla mia famiglia e ho scelto di fare questa scuola proprio per la passione per questo lavoro.

Cos’ha rappresentato per te il percorso formativo fatto al CPFP di Capranica? Raccontaci la tua esperienza.

È stata un’esperienza molto bella frequentare questo centro sia per l’ottima accoglienza e professionalità riguardo l’acconciatore e posso consigliarla a tanti ragazzi poiché ripeto, è un’esperienza bellissima, che ti apre la strada per il mondo del lavoro senza tanti vincoli.

Pistola alla tempia: quali sono gli aspetti che apprezzi di più e quali di meno della tua professione?

Di questa professione non vedo aspetti negativi, poiché è una passione; quindi, le proprie passioni è difficile che uno possa trovare degli aspetti negativi. Possiamo incontrare difficoltà in questa in questo percorso, ma le difficoltà incontriamo da ogni minima cosa. Quindi dopo sta a noi superarli. Impegnarci facendo corsi e aggiornamenti.

In questa Masterclass ti occuperai di taglio bob con tecnica Fo.De.Lis. Cos’è questa tecnica?

Andiamo a fare un bob è con la tecnica tecnica Fo.De.Lis. che consiste in bob concavo graduato. La graduiamo a a quarantacinque gradi la tecnica. La tecnica che farò vedere oggi sarà una tecnica più, oltre che per il bob, anche per la postura, anche per piccole nuances. Io sono andato a vedere, sono arrivato fino ad aversa per vedere queste piccole nuances.

Puoi spiegarci brevemente cosa andrete a fare?

Ci andiamo a dividere la testa in sei separazioni: la prima che parte dall’osso occipitale con linee in diagonale che arrivano fino a metà orecchio. L’altra dal punto della sommità del cuoio capelluto che arrivi fino a poco dopo l’orecchio e quindi ci troveremo tre punti di rottura, i quali dopo andremo ad armonizzare, seguendo sempre la conformità della testa.

È importantissimo fare divisioni piccole di un centimetro, anche meno, proiettando tutto sulla prima ciocca guida creando così del trasporto: in modo che avremo un taglio graduato, ma anche concavo verso la parte anteriore. Questo fa sì di avere molta più pesantezza nella parte anteriore che nella parte posteriore della testa e facilità così una struttura concava.

Cosa si intende per taglio Bob?

Possiamo definirlo bob anche se inizialmente veniva chiamato carré, l’hanno cambiato dicendo chiamandolo bob proprio per il fatto della graduazione: la graduazione quarantacinque a novanta e a centottanta.

Ho eseguito questo taglio facendo adottando la tecnica Fo.De.Lis, ovvero analizzare, fare una buona consulenza della persona, in questo caso della testina su cui andrò a lavorare. Anche perché non tutte le teste hanno la stessa densità, forma e quantità di capelli.

In base a ciò noi dobbiamo andare, adottare determinate tecniche come: la postura, come la gradazione, come tanti altri piccoli discorsi del taglio.

In conclusione: un consiglio che ti sentiresti di dare ai nostri studenti e alle nostre studentesse.

Consiglio a tutti di impegnarsi tanto, anche perché con l’impegno si va avanti, altrimenti non fai nulla in questo lavoro. In questo lavoro c’è tanta concorrenza: se non ci si aggiorna si rimane indietro. Essendo un lavoro di estetica, un lavoro che comunque viene giudicato. Dobbiamo stare sempre al top.

Allegati

Rispondi